Casoni - Vicosoprano tra la Val D'Aveto e la Val Trebbia

Vai ai contenuti

Menu principale:

Casoni

Val Trebbia > Fontanigorda
Dopo tanti anni di assenza, sono andata nel bosco del Barchin, un bosco che in passato fu bellissimo. Ai tempi della mia gioventù si viveva molto nel bosco, giornate intere per la raccolta delle castagne o con le mucche al pascolo, a raccogliere legna, alla ricerca di funghi. In tutte le stagioni c'era sempre qualcosa da fare. Mentre andavo verso quel luogo lo rivedevo com'era. Nella mia memoria vi era bene impresso ogni sentiero, ogni radice, ogni pietra, ogni anfratto che in esso si trovava. Come vi arrivai...quale delusione. Il bosco della mia memoria non esisteva più. I piccoli sentieri in terra battuta che collegavano le fascette sono stati portati via dalle acque piovane che scendono sempre disordinatamente, talvolta con violenza e, inutile dirlo, senza la guida esperta dell'uomo. I grandi alberi che ci davano il pane non ci sono più; al loro posto è cresciuta una fitta boscaglia inselvatichita e incolta, dai loro tronchi pendono rami secchi, rotti dalla galaverna, sembra che piangano. Il suolo è impraticabile, ancora rami rotti e piante intere sbrecciate, sempre dalle stesse calamità naturali. Guardo con desolazione quello scempio e non trovo soluzione alcuna. Anzi, sembra che quel bosco gridi a me la sua vendetta: "Te ne sei andata, mi hai abbandonato, ora credevi di tornare a godere le gioie che questo bosco ti offriva, ma non è così: quello che hai trovato è il tuo castigo." Il mio pensiero va indietro nel tempo, penso ai miei vecchi, alle loro fatiche, alle gioie godute, forse non capite fino in fondo. Anch'io solo oggi ne capisco il valore perchè non esistono più. Oggi sono solo delusa e amareggiata. Mi sono seduta sopra una pietra e ho pianto anch'io assieme al mio amatissimo bosco.
Caterina Ferretti
 
Torna ai contenuti | Torna al menu