Lovari


Il paesino di Lovari, detto dai valligiani i Luè, appartiene alla Parrocchia di Alpepiana.
Il suo nome richiama la presenza in zona del lupo.
Il toponimo Lovari potrebbe infatti derivare dal termine Quattro-cinquecentesco Lovo, che vuol dire Lupo.
Da cui è derivato anche il cognome Bacigalovo, o Bazigalovo, ossia colui che bazzica cui lupi.
Tal cognome si è poi trasformato in Bacigalupo in val di Sturla e in val Fontanabuona.
In Aveto invece il cognome è ancor presente presso Costafigara nell'eccezione Bacigalupi.

A Lovari ci abitano pochissime persone, tre o quattro.
Si trova proprio ai piedi del Monte Arlone e, nel periodo dei funghi, ogni angolo viene invaso da gente proveniente da tutte le parti.
Le faggete di Lovari, infatti, sono prodighe di porcini, a partire dalle case sino ad arrivare al versante del monte Arlone che guarda su Casanova.
Sotto la Parrocchia di Alpepiana, ha tuttavia una sua piccola Chiesetta di recente costruzione e, nel giorno della festa, il paese è meta di abitanti della valle.